News ed eventi

Segnaliamo

Open day Docenti / Proposta didattica
Porte Aperte per i docenti al MUST- Museo Storico di Lecce!
 
On line le nuove proposta didattiche, clicca qui per scaricarle:
 
- Scuola dell’infanzia e primaria
https://drive.google.com/open?id=1q6u1GOL9ANMD2AY0wRKK03S6XQVWfW8U
 
- Scuola secondaria di primo e secondo grado
https://drive.google.com/open?id=1T_aBaXei7YNaXqTfPuSt-3L2FNMmkPWF
 
- Formazione e percorsi di ricerca per docenti
https://drive.google.com/open?id=1iVVnMWANHfUOTJWHHRrKVo7ryNkV-kOB
 
La partecipazione è gratuita, basta iscriversi al seguente link:  https://goo.gl/forms/UL9s5dOVNWeXZgIo2
 
[ Incoraggiate coloro che vogliono aprirvi una finestra nella mente
serbatene con cura le parole
nel chiuso di una bella cassapanca
come si fa con le mele cotogne
e per un anno intero
i vostri panni avranno la fragranza delle idee ]
Le Vespe di Aristofane
 
Abbiamo scelto uno degli scritti più significativi di Aristofane per racchiudere le prospettiva pedagogiche e gli approcci medologici della nostra proposta formativa, culturale ed estetica, per l'anno scolsatico 2018- 2019, rivolta ai bambini, ai ragazzi e ai docenti delle scuole di ogni ordine e grado.
 
Essa comprende le proposte:
- Per la scuola dell’infanzia e primaria, target 3 > 11 anni;
 
- Per la scuola superiore di primo e secondo grado, target 11 > 18 anni;
 
- Programmi formativi e percorsi di ricerca per i docenti;
 
- Anticipazioni del programma del Picturebook Fest Festival dell’arte e della letteratura per ragazzi di Lecce (25- 27 gennaio 2019 ) che vede coinvolti autori, illustatori, editori di fama internazionale.
 
Da anni, i Servizi Educativi del MUST, attraverso i suoi programmi educativi, curati da LedA | Laboratori educativi e didattici per l’Arte, crede nel progetto Scuola- Museo, incentrato sull'interazione di persone, risorse, energie, competenze, idee e creatività che vede queste due entità lavorare per uno stesso obiettivo.
Questo fine comune può essere identificato in una delle conquiste più importanti del '900, sancita dalla Dichiarazione dei Diritti dell'Uomo delle Nazioni Unite: il diritto all'educazione.
 
In tale dichiarazione si specifica che "l'educazione deve mirare al pieno sviluppo della personalità umana".
Questo assunto è per noi una premessa teorica che trova una sua applicazione nel progetto educativo del MUST che concepisce l'educazione all'arte come stimolo per evolvere come individui a vivere appieno la vita.
 
La proposta “Scuola Arte Museo” è un progetto di LedA, in collaborazione con FabLab Lecce, Picturebook Fest, Swapmuseum.
________
 
Vi aspettiamo venerdì 21 settembre per un pomeriggio di progettazione condivisa tra arte, scuola, museo.
 
www.mustlecce.it
Info: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; cell. 393.8438170; 328.5842114

Come visitare #Lecce senza far annoiare i bambini?

LEVARSI IN ARIA
LO SGUARDO DEI BAMBINI NELLE STANZE DELL'ARTE
WORKSHOP con Melania Longo, storica dell'arte e ricercatrice in pedagogia dell'arte.

«L'educazione all'immagine inizia col sapere vedere, ma il vedere è cosa che deve essere appresa» Wölfflin

L'arte è uno strumento per conoscere con altri occhi il mondo, per conquistare la realtà, per crescere.
Può orientare il nostro sguardo, inclinare il pensiero, creare, con stupore e meraviglia, scenari inaspettati, comporre un volcabolario di metafore, simboli, trame e significati.
Può innalzare spirito e mente sino a darci uno slancio e farci levare in aria, senza più gravità, in uno spazio di confine mutevole, il luogo dello scambio e dei continui requilibri tra noi e il mondo.
Ma prima di creare il nostro vocabolario, fatto di simboli e immagini, è necessario nutrire lo sguardo, allenarlo a saper vedere, in altre parole, a renderlo terreno fertile dove i semi di tutte le esperienze estetiche che viviamo si depositano, cominciamo a germogliare diventando spazio interiore di rielaborazione e interpretazione della realtà.
In questo contesto assume particolare valore il tema della pedagogia dell'immaginazione, dell'educazione allo sguardo come ricerca di uno stato straordinario di presenza che ci permetta di alleggerire il quotidiano dai filtri di distrazione per reimparare a guardare, ad ascoltare, a leggere ciò che diamo per scontato.

Pensando l’educazione come un processo di ricerca e l’arte come uno strumento per l’apprendimento, questo workshop è organizzato in forma di progetto di ricerca condiviso, rivolto ad educatori, docenti, mediatori culturali e studenti universitari, atelieristi e a tutti coloro che intendono scoprire un nuovo approccio per educare con l’arte.

Affiancando momenti teorici a quelli pratici, con una sessione di lavoro all'interno della collezione permanenete del MUST, al centro del laboratorio ci saranno i picturebooks che sono i primi strumenti per i bambini per fare esperienza non solo di condivisibilità del mondo, ma anche di capovolgimento della realtà, quell'esercizio di immaginazione che ci aiuta a credere non solo all'esistente ma anche al possibile.

ORARI:
Domenica 14 ottobre: 9.30- 13 e 14.30- 18

A CHI SI RIVOLGE: insegnanti, bibliotecari, operatori museali, genitori

COSTO: 70 euro

Per info e iscrizioni:
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
393.8438170

-
Sono Melania Longo.
L'arte visuale, con le sue espressioni, e il modo in cui la guardiamo sono il cuore del mio lavoro.
Sono storica dell'arte con una specializzazione nell'ambito dei servizi educativi museali e una profonda passione per le immagini e le storie.
Utilizzo l'arte come strumento pedagogico ed estetico per i bambini e per gli adulti che si occupano di contenuti culturali per ragazzi, coltivandola come un immenso giacimento di conoscenze, narrazioni ed esperienze, per imparare a vedere e conoscere.
Nei libri con le figure ho trovato un universo capace di riassumere i miei interessi.
Intorno a questi sviluppo attività di studio e formazione sul tema della mediazione del patrimonio artistico e culturale con particolare riferimento alla lettura delle immagini dei libri e al suo ruolo nella formazione dell'immaginario in contesti didattici informali.
Sono co-fondatrice di LedA- Laboratori educativi e didattici per l'Arte, un'associazione culturale che ha sede a Lecce ma che opera anche su territorio nazionale, occupandosi di valorizzazione e nuove modalità di fruizione del patrimonio culturale.
Dal 2012, curo i progetti e i contenuti dei Servizi Educativi del MUST- Museo Storico di Lecce dove ho creato l'Atelier dei Bambini e la Libroteca d' Arte, una ricca collezione internazionale di libri illustrati, in continua evoluzione, nata da un mio fondo privato di albi illustrati.
Dal 2015 sono co-curatrice del Picturebook Fest- Festival dell'arte e della letteratura per ragazzi di Lecce.
Collaboro con il FAI- Fondo Ambiente Italiano, per la progettazione di percorsi educativi nei Beni Fai della Puglia.
Scrivo per la rivista Andersen, occupandomi di approfondimenti sul linguaggio degli albi illustrati.
Insieme alla casa editrice Corraini, ho curato la mostra "Dentro i libri, con Bruno Munari" (MUST, Lecce- 2 dicembre 2017- 31 marzo 2018)

Campo d'arte al MUST. Vacanze all'Isola del Tempo Lento

Per l'estate 2018 il campo estivo di LedA- Laboratori educativi e didattici per l'arte- rivolto ai bambini dai 4 agli 11 anni, avrà come sede la suggestiva cornice del MUST- Museo Storico di Lecce.
Dieci settimane dedicate al rapporto tra arte, gioco e apprendimento, ispirate alla "Pedagogia della Lumaca" di Gianfranco Zavalloni, il maestro autore anche de "Il Manifesto dei diritti naturali delle bambine e dei bambini"
Il tema intorno al quale abbiamo ideato e articolato le giornate del campo al museo è il tempo. Il tempo lento, per l'esattezza.

Come passa il tempo! Già come passa il tempo? I maghi lo predicono, i meteorologi lo prevedono, gli sportivi lo battono, i musicisti lo tengono, i pigri lo perdono, forse.
Ogni cosa a suo tempo, c'è un tempo per ogni cosa.
E infine «bisogna perdere tempo per guadagnarne» come ha scritto Rousseau.

Ispirati in modo particolare da quest'ultima citazione, inviteremo i bambini a mettere in dialogo aneddoti, curiosità, splendide opere d'arte, giochi e racconti con il tempo riflessivo del fare artistico per ri-accordarci con il nostro presente e trascorrere i mesi più caldi dell'estate all'insegna della lentezza, della cura di ogni gesto, dell'elogio della bellezza delle piccole cose.
Concetti forse sovversivi per la nostra società trionfante nel suo materialismo ma che vogliamo diventino per i bambini la misura di un reale cambiamento antropologico di cui l’umanità ha urgente bisogno. E lo faremo a partire da colorate ed emozionati esperienze d'arte. Rallentare, significa per noi, come il bimbo nell'immagine che guarda attraverso una lente di ingrandimento, cercare con occhi diversi, con la calma, con la semplicità nuove occasioni di scoperta e di crescita.

Durante alcune settimane sono previste uscite per visite e laboratori in altri musei e in luoghi di interesse storico e culturale del contesto cittadino, con l'aggiunta di un ticket di ingresso, non compreso nella quota di iscrizione giornaliera, settimanale o mensile al campus. La partecipazione è facoltativa. Le uscite verranno preventivamente comunicate alle famiglie.

Info
Front office MUST, via degli Ammirati, 11 Lecce: dal martedì alla domenica, dalle 10 alle 13.30 e dalle 15.30 alle 19.
Cell. segreteria LedA: 328. 58 42114 e 393. 8438170
Segreteria MUST: 0832.1830851
email: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
www.mustlecce.it; www.ledalaboratori.it

-
Per chi
Attività rivolte ai bambini 4 - 11 anni
Se richiesto, sono ammessi anche i bambini di tre anni, previo colloquio con i genitori.

Periodo di svolgimento:
Dal 11 giugno al 3 agosto e dal 27 agosto al 7 settembre 2018; dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 14.
Le settimane:
Giugno 2018
Da lunedì 11 a venerdì 15
Da lunedì 18 a venerdi 22
da lunedì 25 a venerdì 29
Luglio 2018
Da lunedì 2 a venerdì 6
Da lunedì 9 a venerdì 13
Da lunedì 16 a venerdì 20
Da lunedì 23 a venerdì 27
Luglio- agosto 2018
Da lunedì 30 luglio a venerdì 3
Agosto 2018
Da lunedì 27 a venerdì 31
Settembre 2018
Da lunedì 3 a venerdì 14

Cosa portare:
Abbigliamento comodo, sconsigliamo ciabattine e infradito.
Merenda, e chi lo volesse, pranzo al sacco.
1 o 2 bottigliette d'acqua con etichetta con il nome del bambino.
1 cambio di vestiti.
Calzini antiscivolo.
1 cartellina A3 con etichetta e nome del bambino

Costo:
Ingresso giornaliero: 15 euro.
Abbonamento 5 ingressi: 60 euro; fratelli 110 euro
Abbonamento 10 ingressi: 110 euro; fratelli 210 euro
Abbonamento 20 ingressi: 210 euro; fratelli 400 euro
N.B. Per gli abbonamenti, gli ingressi possono anche essere in giorni non consecutivi.

Come iscriversi:
Il pagamento, in contanti, tramite bancomat o bonifico è tassativamente contestuale al momento dell'iscrizione. La carta è on-line anche con PayPal
Per iscriversi è necessario registrarsi on line, compilare e firmare un apposito modulo, dopo aver letto e accettato il regolamento.

Domenica 8 Aprile 2018, sino al 31 Agosto, il MUST - Museo storico Città di Lecce, ospiterà una prestigiosa mostra scultorea, curata da Antonio Manzo, dedicata all'artista salentino Giuseppe Manzo.

 

Giuseppe Manzo nacque a Lecce il 17 marzo 1849, fu maestro cartapestaio e scultore. Uomo dotato di grandi doti artistiche, che insieme ad una profonda fede cristiana, gli hanno permesso di ricevere innumerevoli attestazioni meritorie, tra l' 800 ed il 900, a Lecce e nel mondo.

Le sue opere sono sparse nelle chiese di tutta la puglia e in collezioni private. Ricordiamo: la statua della Madonna del Carmine nella Chiesa di San Vito a Surbo (1899). Una bellissima statua del sacro Cuore di Gesù (1899) nella la chiesa madre di Mesagne. A Ruvo di Puglia il gruppo statuario della Pietà (1901) e molte altre opere si trovano nelle chiese. Una statua in cartapesta del Sacro Cuore di Gesù e un altorilievo della Vergine con il Bambino si trovano nella Cappella del Santissimo a Cavallino. A Lecce, il terzo altare di Santa Teresa del Bambin Gesù nella chiesa del Carmine ospita una sua statua in cartapesta. A Manduria, nella chiesa della santissima Trinità, vi è la bellissima statua della Madonna dei Fiori, realizzata dal Manzo nel 1898. Nella chiesa della beata Vergine a Casarano, le opere in cartapesta sono quasi tutte del maestro. Altre sue opere si trovano a S. Pietro Vernotico, a Sanarica e a Ostuni. Interessanti sono un quadro a rilievo raffigurante la Madonna e la statua di Sant'Antonio da Padova nella Chiesa Madonna di Costantinopoli a Maglie.

 

 

Durante la mostra sarà possibile ammirare opere inedite realizzate con la tecnica della plasmatura in argilla e terracotta, spaziando da temi religiosi a quelli "terreni" fino alla mitologia.

 

Inaugurazione mostra ore 17.30, domenica 8 aprile /sala 3 MUST - Museo storico Città di Lecce, in via degli Ammirati 11, Lecce

 

Ingresso libero

 

Un ringraziamento sentito e doveroso agli sponsor che hanno creduto e sostenuto il progetto :

- Valentino Caffè ;

- Cantele ; 

- Itc advisor ;

- Digital copy; 

- BPP banca popolare pugliese ;

- Pitardi Cavamonti

Domenica 8 Aprile 2018, sino al 31 Agosto, il MUST - Museo storico Città di Lecce, ospiterà una prestigiosa mostra scultorea, curata da Antonio Manzo, dedicata all'artista salentino Giuseppe Manzo.

Giuseppe Manzo nacque a Lecce il 17 marzo 1849, fu maestro cartapestaio e scultore. Uomo dotato di grandi doti artistiche, che insieme ad una profonda fede cristiana, gli hanno permesso di ricevere innumerevoli attestazioni meritorie, tra l' 800 ed il 900, a Lecce e nel mondo.
Le sue opere sono sparse nelle chiese di tutta la puglia e in collezioni private. Ricordiamo: la statua della Madonna del Carmine nella Chiesa di San Vito a Surbo (1899). Una bellissima statua del sacro Cuore di Gesù (1899) nella la chiesa madre di Mesagne. A Ruvo di Puglia il gruppo statuario della Pietà (1901) e molte altre opere si trovano nelle chiese. Una statua in cartapesta del Sacro Cuore di Gesù e un altorilievo della Vergine con il Bambino si trovano nella Cappella del Santissimo a Cavallino. A Lecce, il terzo altare di Santa Teresa del Bambin Gesù nella chiesa del Carmine ospita una sua statua in cartapesta. A Manduria, nella chiesa della santissima Trinità, vi è la bellissima statua della Madonna dei Fiori, realizzata dal Manzo nel 1898. Nella chiesa della beata Vergine a Casarano, le opere in cartapesta sono quasi tutte del maestro. Altre sue opere si trovano a S. Pietro Vernotico, a Sanarica e a Ostuni. Interessanti sono un quadro a rilievo raffigurante la Madonna e la statua di Sant'Antonio da Padova nella Chiesa Madonna di Costantinopoli a Maglie.


Durante la mostra sarà possibile ammirare opere inedite realizzate con la tecnica della plasmatura in argilla e terracotta, spaziando da temi religiosi a quelli "terreni" fino alla mitologia.

Inaugurazione mostra ore 17.30, domenica 8 aprile /sala 3 MUST - Museo storico Città di Lecce, in via degli Ammirati 11, Lecce

Ingresso libero

Un ringraziamento sentito e doveroso agli sponsor che hanno creduto e sostenuto il progetto :
- Valentino Caffè ;
- Cantele ; 
- Itc advisor ;
- Digital copy; 
- BPP banca popolare pugliese ;
- Pitardi Cavamonti

Con gli occhi di Munari
Visite partecipate e laboratori per la Scuola

All’interno della mostra “Dentro i libri, con Bruno Munari”
Bambini e ragazzi 3 > 18 anni

Artista, designer e scrittore tra i maggiori del secolo scorso, Bruno Munari ha dedicato un interesse particolare al mondo dell’infanzia e dell’educazione. Alla scuola di oggi, consegna una proposta assai attuale: il laboratorio come luogo della migliore educazione, la creatività come “ricerca sincera di varianti”, un metodo che risiede nel “creare relazioni tra gli elementi conosciuti”.

-
Dal 2 dicembre sino al 31 marzo 2018 il Museo Storico di Lecce opsita la mostra “Dentro i libri, con Bruno Munari. I libri diventano installazoni” un progetto di LedA Laboratori e Picturebook Fest- Festival dell’arte e della letteratura per ragazzi di Lecce, a cura di Corraini Edizioni.

Per la prima volta a Lecce viene organizzata una mostra dedicata al lavoro di progettazione e ricerca di Bruno Munari intorno al libro inteso come oggetto totale, per celebrare il centodecimo compleanno del più eclettico artista-designer italiano del Novecento.

Tre stanze, al piano terra del Museo Storico di Lecce, diventano spazi di interazione, dove i libri- installazioni invitano la partecipazione giocosa dei bambini, ragazzi e adulti, che potranno attraversare, toccare, reinventare tre classici della ricerca di Munari: “Nella nebbia di Milano”, “Guardiamoci negli occhi” e “Le macchine di Munari”.

-
“Dentro i libri, con Bruno Munari “è per la Scuola
Per la sua natura inclusiva e aperta all’interazione, la mostra invita il pubblico dei giovani e giovanissimi ad abitare letteralmente i libri, per trarne spunti, idee, visioni. All’interno dell’esposizione, è possibile pertanto fare un’epserienza di visita partecipata oltre che diventare parte attiva di attività laboratoriali per bambini e ragazzi.

Seguono le proposte laboratoriali suddivise per fasce d’età

1- Titolo
MU-NARI in Giapponese vuol dire “fare dal nulla”
Target: 5- 14 anni
Tematiche: il segno; materiali e texture; la creatività come ricerca di varianti; il libro come oggetto per sorprendere; macchine inutili.
Informazioni
I percorsi si ispirano direttamente a quello che, per Munari, era il laboratoiro, ovvero il terzo educatore, capace con i suoi materiali, le sue dinamiche e i suoi tempi non solo di dialogare con l’immaginazione e la creatività dei bambini ma anche di trasformarla. Utlizzando oggetti di uso comune, scelti tuttavia in una grande variente di esempi, i bambini saranno alle prese con un’esperienza di creazione di manufatti cartotecnici o di altri oggetti similari, che permetterà loro non solo di scoprire divertentosi la poetica sottesa al lavoro di progettazione di Munari ma anche si apprendere come, i libri, come i giocattoli si possono scomporre e poi rimontare in un modo sempre diverso. E questo non è altro che fare esercizio di progettazione, oltre che essere nutrimento sia per il pensiero logico che per quello creativo, due componenti essenziali senza delle quali oggi è difficile creascre nel prorio percorso di apprendimento.

2-Titolo “Ma chi è Bruno Munari?”
Target: 14- 19 anni
Tematiche: collezionare, catalogare, mediare il patrimonio culturale; fantasia, invenzione, immaginazione, creatività
Informazioni
“Munari è uno che se vede una foglia secca di fico d’India sulla spiaggia, non le dà un calcio come fanno gli altri, ma la raccoglie, le guarda dentro e ci trova una incredibile tessitura a tramatura esagonale. Adesso ne tiene una nel suo studio di Milano. Se ti avvicini, ti fa vedere in quanti modi la natura è capace di disegnare esagoni” Valeria Tassinari

Il percorso propone la scoperta di Bruno Munari, pittore, designer, grafico, inventore, architetto, scultore, scrittore, progettista, filosofo, professore, didatta, esploratore attraverso non solo la mostra ma anche attraverso i libri da lui progettati e che fanno parte del fondo “Bruno Munari” della Libroteca d’Arte del MUST.
Inoltre si focalizzerà l’attenzione su quetsi quattro concetti: fantasia, invenzione, creatività e immaginazione nelle comunicazioni visive.
L’attività laboratoriale, invece, trattà spunto da “Il museo degli oggetti delle Macchine inutili”, allestito in mostra, per proporre a ragazzi di lavorare su come si realizza una collezione in un museo, anche in chiave metaforica, e soprattutto su quanto modi diversi ci possono essere per scrivere una didascalia, a seconda dei target cui ci si rivolge e dei registri linguistici e sematici che si sceglie di adoperare.
-

Info e prenotazioni:
- Le visite partecipate e i laboratori si svolgeranno sino al 31 marzo 2018

- Le attività hanno una durata di 2 ore ed hanno un costo di 5 euro a parteciante. Gratuità per persone con disabilità e fino a tre docenti per gruppo.
Prenotazioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; 393. 8438170- 328.5842114

 

Domenica 8 ottobre 2017: Giornata Nazionale Famiglie al Museo

Visita partecipata per famiglie, adulti e bambini al

 MUST - Museo storico Città di Lecce 

con la guida- gioco "Arte in tasca"


[Tutte le opere d'arte portano scritto: "più in là!" ] Eugenio Montale

 

Si dice: l'arte ti porta su un altro piano.

Si, certo! Ma in che modo?

Guidandoci a percepire e comprendere il senso delle cose attraverso uno sguardo nuovo.

Attraverso l'arte si può scoprire, divertirsi, emozionarsi: in altre parole crescere.

 

Crescere al museo, con l'arte, significa essere coinvolti con il corpo e con le emozioni nella scoperta delle opere.

 

Vuol dire aprirsi a qualcosa di nuovo, che è altro da noi.
Sospendere i giudizi, le aspettative per porsi in ascolto di voci mai sentite prima.

 

Ai bambini capita spesso di raccontare che le opere d'arte hanno una loro voce. Non è da tutti riuscire a coglierle, decifrarle.

C'è bisogno di un tempo lento per vedere, ascoltare e pensare l'opera in contro tendenza al tempo della rapidità, imposto anche ai più piccoli.

 

Dall'ascolto nascono infatti nuovi pensieri.

E un pensiero è un sentimento ma anche un'azione poetica capace di trasformare noi e il mondo che ci circonda.

 

Arte in tasca, la guida-gioco che invita ad interagire creativamente con alcune opere della collezione permanente del MUST- Museo Storico di Lecce vuole offrire, ai piccoli e grandi visitatori del Museo, una nuova occasione di scoperta delle sculture e delle installazioni esposte nelle collezioni denominate "De Sculptura" e "Cosimo Carlucci: opere e restauri".

Le tappe del percorso sono dedicate ai seguenti autori: Salvatore Spedicato, Salvatore Sava, Antonio Paradiso, Francesco Arena e Cosimo Carlucci e, attraverso stimolanti attività creative, inviteranno il pubblico a cogliere spunti sul linguaggio artistico pugliese del Novecento e a sperimentare l'arte in prima persona.

 


INFO E PRENOTAZIONI:

La visita è rivolta ai bambini dai 6 agli 11 anni accompagnati da mamme, papà e nonni ed ha un costo di 3 euro a partecipante. Si svolgerà dalle 17 alle 18.30.

 

Per i possessori della CARD DOCENTI MUST a.s. 2017- 2018 e le loro famiglie la visita è gratuita.

Prenotazioni: cell. 328.5842114; Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.

Cos’è la CARD DOCENTI del MUST- Museo Storico di Lecce

La CARD DOCENTI è un’iniziativa aperta a tutti i docenti della Regione Puglia di Nido, Scuola dell’Infanzia, Primaria e Secondaria di I e II grado.

Gli insegnanti che frequentano assiduamente il MUST e le attività di LedA e Fablab, sia individualmente, per la propria formazione professionale, sia con le classi, per partecipare alle numerose offerte didattiche, possono usufruire degli interessanti vantaggi che questa corsia preferenziale offre.

La CARD DOCENTI è un contratto di facilitazione per i suoi “docenti fedeli” che, oltre alla già consolidata qualità dei servizi, potranno avere interessanti benefits.


Cosa offre la CARD DOCENTI?

​​L'opportunità di usufruire dei seguenti benefits:

​- ​​​entrata individuale gratuita alla sede del MUST, anche in occasione di mostre temporanee;

- spedizione del catalogo aggiornato delle offerte didattiche museali, direttamente a casa, all'inizio di ogni nuovo anno scolastico;
​​​​
- anteprima, tramite posta elettronica, delle comunicazioni riguardanti gli eventi LedA, Fablab e Picturebook Fest- Festival dell’arte e della letteratura per ragazzi dedicati alle scuole e all'aggiornamento docenti;

- precedenza nell’iscrizione ai corsi di aggiornamento;

- sconto del 15% sull’iscrizione a workshop e seminari;

- sconto del 15% sull’acquisto di libri e gratuità per la copia del docente (lo sconto è applicato per un acquisto minimo di 15 libri);

- corsi di aggiornamento gratuiti, sulla mediazione dell’arte, sulla letteratura e l’editoria per ragazzi, sulla didattica attraverso gli albi illustrati, sulla teoria e tecniche di mediazione dei libri per l’infanzia, ecc, realizzati direttamente a scuola dai nostri specialisti in didattica e pedagogia dell’arte nel caso di iscrizione di almeno 5 classi ad uno o più dei laboratori contenuti nella proposta didattica “MUST e Libroteca d’Arte per la Scuola” a.s. 2017- 2018;

- realizzazione di bibliografie ragionate tematiche nel caso di iscrizione di almeno 5 classi ad uno o più laboratori contenuti nella proposta didattica “MUST e Libroteca d’Arte per la Scuola” a.s. 2017- 2018;

- l'opportunità di partecipare, come soggetti attivi, a sperimentazioni didattiche proposte dai Servizi Educativi; ​

- disponibilità di spazi e luoghi di incontro, all’interno del MUST, per la co-progettazione di percorsi didattici;​

- altre opportunità che verranno comunicate sul sito www.mustlecce.it;

Chi è interessato potrà ricevere gratuitamente la CARD DOCENTI venerdì 15 settembre 2017, in occasione dell’open day.
Chi non potesse raggiungere il museo in tale data, è invitato a scrivere una mail all’indirizzo: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. .

L’iscrizione è da rinnovare all’inizio di ogni anno scolastico.

Lecce è stata insignita del titolo di Città del Libro per l'anno 2017 dal Centro per il libro e la lettura (Cepell) nel maggio del 2016, in occasione del V incontro delle "Città del Libro" tenutosi a Torino.
Venerdì 14 luglio alle ore 19.00, nel Parco di Belloluogo, si terrà la presentazione del Progetto Lecce Città del Libro 2017 (#LCL2017) con i saluti e gli interventi del Sindaco di Lecce Carlo Salvemini, dell’Assessore allo Sviluppo Economico della Regione Puglia Loredana Capone e del Direttore Generale Treccani Massimo Bray.
Il progetto ha l'obiettivo di rendere la lettura un'abitudine sociale diffusa e inclusiva attraverso la promozione di iniziative che avranno luogo in piazze, parchi e quartieri periferici e prevede la pubblicazione di un bando e di una call aperta.
Con il bando, #LCL2017 intende sostenere le proposte degli operatori che presenteranno domanda di partecipazione mentre con la call aperta concedere il patrocinio alle iniziative esistenti che vorranno rientrare nel progetto.
Gli strumenti partecipativi e le iniziative per la promozione del libro e della lettura saranno presentati con il supporto dei componenti il Comitato Scientifico (Vincenzo Santoro, Luigi De Luca, Lorenzo Madaro) e Tecnico (Antonio Cordella, Eraldo
Martucci, Emanuela Chiriacò) di #LCL2017.
Il responsabile del Progetto Lecce Città del Libro 2017, Raffaele Parlangeli modererà il talk #condividereesperienze con interventi e presentazioni di iniziative a sostegno della lettura e della filiera del Libro.

21 GIUGNO, ORE 10-13 MUST- LECCE

CHILDREN’S BOOKS ON ART/ LIBRI D’ARTE PER RAGAZZI

WORKSHOP DI GRAZIA GOTTI

(INGRESSO LIBERO)

Il MUST- Museo Storico di Lecce, sin dall’avvio delle sue attività educative, rivolte al pubblico dei più giovani, ha dato grande importanza all’educazione estetica attraverso le risorse dei libri con le figure.

Ospitata al piano terra del museo vi è infatti la Libroteca d’Arte, una speciale biblioteca di albi illustrati di editoria internazionale, un progetto di LedA laboratori, che vanta una ricca selezione di libri sull’arte per bambini e ragazzi.

Per questo motivo, il Picturebook Fest, attraverso l’incontro con Grazia Gotti, pedagogista e co-fondatrice della libreria Giannino Stoppani e dell’Accademia Drosselmeier di Bologna, vuole offrire a tutti coloro che si occupano di contenuti culturali per ragazzi un momento di condivisione e di confronto sul tema dell’arte nei libri per ragazzi.

Children’s Books On Art è un progetto globale che coinvolge paesi città, persone, istituzioni promosso dalla Bologna Children’s Book Fair insieme al Salone del libro di Torino, curato dalla cooperativa culturale Giannino Stoppani, che si sviluppa in un biennio ed è un progetto aperto, flessibile, inclusivo al quale possono aderire tutti quelli che hanno a cuore il miglioramento del pensiero, del gusto estetico e dell’etica. Il progetto ha preso avvio dal BolognaRagazzi Award di Bologna Children’s Book Fair che, per l’edizione 2017, ha dedicato una categoria speciale all’arte. Gli editori di tutto il mondo sono stati invitati ad inviare la loro produzione dell’ultimo decennio. Il risultato è stato sorprendente, oltre 200 libri da tutto il mondo.

La lectio di Grazia Gotti sarà, dunque, occasione per approfondire come l’Arte non sia un percorso che conosce termini ultimi, ma si modifica, si arricchisce, si coniuga con la Letteratura, la Poesia, la Storia, la Geografia e la Scienza.

Registrati

FORMIDABILE INCONTRO CON L'AUTORE
KENNETH OPPEL PRESENTA “IL NIDO”, RIZZOLI EDITORE
DIALOGA CON L’AUTORE ELISABETTA TRAMACERE,
20 GIUGNO, ORE 19- MUST LECCE
Il pluripremiato autore canadese ci racconterà "Il Nido", un libro che è anche una finestra sulla spinosa questione del concetto di “normalità”.

Saremo accompagnati dentro le vicende di uno dei pochi titoli ad aver raccolto una menzione speciale da tutte e sei le principali riviste letterarie americane ed essere stato selezionato tra i migliori libri per ragazzi dall'Associazione Bibliotecari americani.

“Il nido” è la storia di un neonato e di un nido di vespe e si sviluppa in uno strano, nostalgico luogo a metà tra il reale e il fantastico

Scritto in prima persona, Steve racconta ciò che succede a lui e alla sua famiglia durante una intensa estate.

La nascita di un fratello conduce la famiglia in un difficile momento di vita. Infatti, il bambino è nato con dei problemi, una condizione congenita che lo porta ad aver bisogno di un’operazione.

Un’ inaspettata coincidenza fa si che uno sciame di vespe arrivi e crei il suo nido sul lato della casa di Steve, allergico alle loro punture.

Forse a causa delle tensioni vissute in famiglia, o forse per la paura degli insetti, Steve comincia a fare ogni notte strani sogni di angeli.

Uno degli elementi di maggior pregio dell’opera è la capacità di Oppel di descrivere i sogni, rendendoli reali e intriganti. Ma ci sono anche altri importanti e suggestivi spunti di riflessione in questo libro, quali ad esempio le descrizioni e gli approfondimenti delle relazioni famigliari. Non ci sono forzature o stereotipi sentimentali, Oppel lascia spazio solo alla genuinità. La descrizione del rapporto tra Steve e la sorellina Nicole, ad esempio, è teneramente realistica: sono lontani dall’essere amici, eppure sono sempre presenti l’uno per l’altro quando ne hanno bisogno.

Registrati

Torna anche quest'anno il campo estivo organizzato da MUST- Museo Storico di Lecce in collaborazione con LedA- Laboratori educativi e didattici per l’arte e Libroteca d’Arte, realtà che da anni si occupano di promuovere una pedagogia dell’arte attraverso proposte interdisciplinari tra narrazioni, albi illustrati e arte visiva.
Il MUST DEI BAMBINI è ormai un servizio consolidato del museo che da sempre rivolge attenzioni particolari alle famiglie del territorio, proponendo esperienze originali e di qualità per far trascorrere ai bambini le vacanze in città in modo diverso.
Nove settimane interamente dedicate ai bambini dai 3 agli 11 anni, per sperimentare le diverse forme della creatività attraverso i linguaggi dell’arte, ascoltare storie, scoprire ed esplorare il mondo reale e immaginario.
L’edizione 2017 è dedicata alle vite d’artista: l’ispirazione ci è venuta dal prezioso e denso fondo di libri, provenienti da tutto il mondo, per bambini e ragazzi che narrano di arte e artisti e che fa parte della speciale biblioteca del MUST.
Al museo i bambini, ogni settimana incontreranno l’arte attraverso le storie di vita di chi l’ha fatta, perché crediamo che raccontare di persone e delle loro vicende particolari possa maggiormente stimolare le loro emozioni, la loro curiosità, quindi la voglia di conoscenza, ma soprattutto quella di fare.
Atelier tematici dedicati ognuno ad un artista diverso, sia del mondo dell’arte che dell’illustrazione, con un’attenzione particolare agli autori che espongono le loro opere nella collezione permanente del MUST.
Dall’incontro con Magritte, a Sonia Delaunay, Edgar Degas, Mirò e Picasso, solo per citarne alcuni, i bambini potranno vivere molte esperienza creative ed educative a tutto tondo: sperimenteranno in modo divertente le tecniche e i linguaggi dell’arte, esploreranno il museo in modo giocoso, parteciperanno ad attività motorie e di espressione corporea, letture animate e visite agli altri musei della città, giochi nel cortile interno e momenti di relax e di socialità nei locali climatizzati del Museo.
Non mancheranno eventi speciali come, per esempio, i workshop d’artista il 22 giugno insieme a Elisabetta Tramacere, editor della casa editrice Diabolo, che si occupa di fumetti e graphic novel, e il 7 luglio, insieme a Davide Calì, fumettista e autore per bambini e Claudia Palmarucci, illustratrice di albi illustrati, entrambi di fama internazionale.

Info, prenotazioni, costi
Quando:
Il campo estivo si svolgerà dal lunedì al venerdì, dalle 8 alle 13.30.
Le settimane del campo sono:
Giugno: 12- 16; 19- 23; 26- 30
Luglio: 3- 7; 10- 14; 17- 21; 24- 28
Agosto/ Settembre: 28 agosto- 1 settembre
Settembre: 4- 8
Per chi:
bambini dai 3 agli 11 anni; il summer camp è rivolto ad un massimo di 30 bambini a settimana.
Come: per iscriversi è obbligatorio per il genitore compilare in ogni suo campo e firmare i moduli di iscrizione, scaricabili qui: https://goo.gl/forms/HZ0znL5j8Hye7nJg1
O da ritirare presso il front office del MUST nei giorni e negli orari di apertura del museo.
Quanto:
La quota di iscrizione può essere versata tramite bonifico bancario o in contanti presso la cassa del MUST.
Tariffe per attività sino alle ore 13.30
Abbonamento settimanale: 50 euro; fratelli 90 euro
Abbonamento bisettimanale: 90 euro; fratelli 170 euro
Abbonamento 4 settimane: 180 euro; fratelli 350 euro
Ingresso giornaliero: 10 euro a partecipante

Libroteca d’Arte per la Scuola
L’albo illustrato come risorsa educativa e didattica a scuola

Openday per docenti e dirigenti scolastici per la progettazione condivisa delle proposte formative a.s. 2017- 2018

La Libroteca d’Arte del MUST- Museo Storico di Lecce, biblioteca che seleziona e accoglie al suo interno il meglio dell’editoria mondiale per ragazzi, organizza un pomeriggio pedagogico sul tema dell’arte e dell’albo illustrato come risorsa educativa e formativa a scuola. Il pomeriggio formativo si svolgerà presso il museo storico della città ed è organizzato nell’ambito del “Maggio dei libri”, la campagna nazionale nata nel 2011 con l’obiettivo di sottolineare il valore sociale della lettura nella crescita personale, culturale e civile.
I docenti, gli educatori e i genitori sono invitati a partecipare all’incontro con la finalità di animare alleanze educative affinché il libro, la promozione della lettura e la mediazione dell’arte siano riconosciuti, a scuola e non solo, sempre più come strumenti di promozione e crescita culturale per i bambini e le bambine.
Sin dall’inizio delle sue attività educative, l’area didattica del museo ha investito molto in programmi culturali incentrati sull’utilizzo dell’albo illustrato e sulla progettazione di atelier, che si svolgono al museo e a scuola e che si avvalgono della metodologia del learing by doing e del cooperative learning.
Ovviamente, il primo interlocutore, per quanto riguarda i percorsi di progettazione e ideazione dei percorsi è l’opera d’arte, quella esposta nelle sale espositive. Ci sono sculture, fotografie, quadri, installazioni ed è a queste che ci riferiamo; ai linguaggi dell’arte, ai processi della creazione artistica, alle mostre.
Ma l’albo illustrato e il libro d’artista è per noi alla stregua delle opere d’arte. E’ un testo artistico ma soprattutto pretesto per attivare delle dinamiche, per ideare, per ricercare delle direzioni di senso che poi si sviluppano in sede di laboratorio.
Da cinque anni, l’offerta formativa del MUST per la Scuola ha trovato nei libri con le figure il principale strumento di trasmissione culturale e di dialogo con gli studenti, una risorsa per “imparare a vedere”, a sentire e interpretare il mondo ma anche per accrescere il proprio vocabolario visivo interiore.
Nell’albo illustrato e nelle graphic novel la collaborazione di immagine e parola costituisce una risorsa educativa straordinaria per lo sviluppo del pensiero metaforico, di conseguenza della sensibilità estetica e della competenza emozionale nella costruzione dei processi cognitivi, delle rappresentazione e dei giudizi.
In una dimensione pedagogico- didattica cui anche il museo è chiamata, il compito degli insegnanti e degli educatori non è più solo la trasmissione di conoscenze , bensì l’attivazione di motivazione e curiosità, presupposti della possibilità di trovare interessante, stupefacente e bello ogni risultato del processo di co-costruzione di conoscenze e competenze.
Il pomeriggio, quindi, sarà sia occasione per presentare e discutere insieme i progetti realizzati dalla Libroteca d’Arte, durante l’anno scolastico che si appresta a terminare, sia un’occasione per realizzare una tavola rotonda, formata dai docenti e dagli educatori museali, di progettazione di atelier, programmi e laboratori, da svolgere anche in classe, per il nuovo anno scolastico 2017- 2018.
E’ proprio partendo dalle richieste, dalle idee e dagli input dei docenti e dei dirigenti scolastici che sia vuole fare dell’open day un momento di programmazione condivisa per avviare sperimentazioni sul come e perché creare insieme scuola- museo un ecosistema che stimoli la curiosità dei bambini e dei ragazzi, affinché essi abbiano una visione critica e non stereotipata del mondo in cui vivono.
Il patrimonio di immagini e di storie, provenienti dal meglio dell’editoria mondiale per ragazzi, della Libroteca d'Arte ci ha sempre fornito spunti, suggerimenti, chiavi di lettura per progettare percorsi di laboratorio sui temi più disparati destinati al pubblico dei giovani che frequentano il museo, per questo motivo anche per il prossimo anno scolastico la Libroteca d’Arte si propone quale polo educativo in grado di offrire nuove prospettive di cultura, di inclusione, di relazioni comunicative e di opportunità formative per alunni e docenti.
L’open day sarà anche occasione per presentare una delle novità del prossimo anno scolastico ovvero i benefit per i docenti e gli istituti scolastici che prenderanno parte agli atelier della Libroteca d’Arte e che riguardano anche una particolare scontistica per l’acquisto di albi illustrati e libri per ogni classe che si iscriverà ai nuovi percorsi.
Programma, sabato 27 maggio 2017
17.30- 17.45: accoglienza e registrazione partecipanti
17.45- 18.15: merenda di benvenuto
18.15- 19.30: tavola rotonda
Info e iscrizioni: Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo. ; cell. 3938438170

Sabato 11 marzo
9- 19
MUST

Le rime e le figure racconatate dall'autore

"Per due bambini amici i miesi sono giocattoli. L'anno è un giardino"

Incontro con l'autore, per bambini, genitori, docenti, bibliotecari e per tutti coloro che amano le storie fatte di parole e di figure.

Lo scorrere del tempo non fa paura quando si è bambini, ogni stagione ha la sua bellezza e Nino e Nina lo sanno bene. Dodici poesie li guidano mese dopo mese nelle loro attività, nelle loro scoperte, nei loro giochi.

Lo scrittore Bruno Tognolini racconta così l'anno che passa, accompagnato dai colori e dalle meravigliose illustrazioni di Paolo Domeniconi. L'incontro tra i due autori ci regala ''Nino e Nina'', uno splendido albo illustrato evocativo ed emozionante, perfetto per i grandi e i piccoli lettori.

Bruno Tognolini è nato a Cagliari, si è laureato al DAMS di Bologna, e ora, quando non è in viaggio per i mille incontri coi lettori in tutta Italia, vive in quella città. Dopo gli anni del teatro (opere con Vacis, Paolini, Baliani), ora lavora a tempo pieno come scrittore, per ragazzi e non solo. In televisione per quattro anni è stato fra gli autori de L'Albero Azzurro e per tredici ideatore e coautore de La Melevisione. È autore di opere teatrali (alcune tuttora in circuito), di opere multimediali (Nirvana X-ROM, dal film di G. Salvatores); di canzoni (come quelle per il film Storia di una gabbianella di E. D'Alò); ha scritto racconti e rime “d'occasione” per riviste, per libri, per gli usi e gli eventi più disparati. Ma il suo primo e più grande amore restano i libri: oltre una trentina di titoli dal '91 a oggi, romanzi, racconti e poesie, pubblicati con Salani, Giunti, Mondadori, RCS, Gallucci, Fatatrac, Carthusia, Panini, il Castoro, Topipittori, e altri. Nel 2007 è Premio Andersen come miglior scrittore italiano, nel 2011 Premio Speciale della Giuria del Premio Andersen per il suo Rime di rabbia (Salani).

Altre notizie e testi su www.tognolini.com

Picturebook Fest- Festival dell’arte e della letteratura per ragazzi, è il primo Festival, organizzato a Lecce, finalizzato alla valorizzazione dei linguaggi dell’illustrazione contemporanea per il pubblico dei giovani (e non solo), attraverso la promozione della lettura e della scrittura e con esse dell'esemplarità del percorso creativo di ogni scrittore, illustratore ed editore.

Per la seconda edizione abbiamo scelto, come immagine simbolo del Festival, un’illustrazione di Alica Baladan, ospite del Picturebook Fest, tratta dal libro “Storia Piccola” di Cristina Bellemo, edito da Topipittori.
Alicia Baladan ha disegnato una bambina, seduta in cima ad un cubo colorato, che guarda “attraverso” l’infinito.

Viene da chiedersi dove andare a cercare l’infinito e se abbia una forma, un peso, un odore.

Per noi, l’infinito è quella cosa che ci fa iniziare un viaggio che sa di poesie e di nuvole, è un altrove ricco, intenso, misterioso. E questo altrove sta anche dentro le pagine dei libri con le figure.
E’ un infinito che riempie lo sguardo di stupore e di meraviglia, che dilata i contorni delle parole, che genera visioni ed emozioni, che trasforma le immagini in navicelle spaziali per orizzonti da conquistare.
L’infinito per rinnovare lo sguardo ed avere occhi nuovi.

Perchè è proprio questo che vogliamo offrire: uno sguardo limpido mediato e accompagnato dall’arte e dalla letteratura, che, insieme, offrono visuali diverse della realtà, ottiche irraggiungibili a occhio nudo, barlumi di risposte alle grandi domande della vita.
Cos’è la buona letteratura se non adesione a ciò che il lettore sente nel profondo? Anche a ciò che difficilmente può essere spiegato?
Ecco, forse quando si legge un buon libro, quando si sfoglia un bell’albo illustrato non c’è spazio per la solitudine, quella vera e annichilente. Allora, possiamo tutto, anche scrutare l’infinito arrampicati su scatoloni traballanti, senza paura di cadere!

Dal 21 al 29 gennaio 2017 noi guarderemo l’infinito, grazie a mostre, workshop, attività didattiche, laboratori per famiglie, con l'obiettivo di affermare e promuovere l'importanza culturale e la valenza pedagogica del libro illustrato.
Attraverso gli albi illustrati, speciali ponti tra i nostri occhi e la realtà, avremo modo di dedicare approfondimenti sull’illustrazione, riservando uno spazio importante anche ai percorsi della narrazione nell’albo illustrato, alla fotografia, all’editoria e, finalmente, anche alla scrittura per grandi e piccoli.

Vai al sito

L’ADI- Associazione per il disegno industriale - Delegazione Puglia e Basilicata e Kubico srl in co-
organizzazione con l’Ordine degli Architetti di Lecce e in collaborazione con il Must - Museo Storico di
Lecce e Croce Rossa Italiana – Comitato di Lecce presentano


DA CASA NASCE CASA


a cura di Cintya Concari & Roberto Marcatti
un progetto solidale di design e creatività dedicato alla raccolta fondi a favore delle popolazioni del centro
Italia colpite dal sisma.
La società Kubico, sposando per questo progetto la filosofia del recupero e quindi convertendo alle infinite
variabili del riciclo oggetti e materiali, riusa scarti della propria lavorazione aziendale realizzando 70
casette in legno grezzo che mette a disposizione della creatività pugliese e lucana per una iniziativa
solidale a sostegno delle comunità devastate dal terremoto.
ADI -Delegazione Puglia e Basilicata si fa carico di chiamare a raccolta per questo progetto tutti i propri
soci e gli architetti e designer che nell’anno in corso sono stati invitati sul territorio tra cui Riccardo Dalisi,
Marco Ferreri, Alessandro Guerriero, Ugo La Pietra, Paolo Lomazzi, Patrizia Pozzi e tanti altri, per
interpretare/decorare le 70 piccole casette in legno grezzo, sottolineando così come la cultura del progetto
possa promuovere grandi e piccole iniziative che raccontano, anche ai non addetti ai lavori, l’aspetto etico,
sociale e di condivisione della progettualità stessa.
A fronte del consolidato rapporto di partenariato tra ADI - Delegazione Puglia e Basilicata e Must sulla
tematica della cultura del progetto intrapreso in questi ultimi anni, il Museo Storico di Lecce si è reso
disponibile ad ospitare nei propri spazi museali l’esposizione delle 70 casette interpretate/decorate dai
“creativi” pugliesi e lucani nei giorni 13,14 e 15 Dicembre. A seguire il giorno 16 dicembre alle ore 18.30 ci
sarà, sempre all’interno del Must, un’asta benefica per la vendita delle casette il cui ricavato sarà
accreditato direttamente sul conto corrente della Croce Rossa Italiana a favore delle popolazioni
terremotate.
Il titolo dell’iniziativa, volutamente parafrasato, è un omaggio a Bruno Munari e al suo libro “da cosa
nasce cosa”. E proprio Bruno Munari, il più eclettico artista e designer italiano, da sempre ha sostenuto
come priorità l’aspetto etico della progettazione rivolto sia alla negazione dello spreco che all’attenzione
per gli aspetti sociali e solidali. Sulla scia di questa iniziativa LedA, i laboratori educativi e didattici per l’arte
che operano all’interno del Must, basandosi sul proprio principio ispiratore delle attività di “educare
all’arte con l’arte” organizzeranno un laboratorio didattico per i bambini dal tema “la casa”.
ADI - Delegazione Puglia e Basilicata, Kubico, Ordine degli Architetti di Lecce , Must e Croce Rossa
Italiana, Comitato di Lecce hanno deciso, ognuno per la propria competenza, di agire in sinergia per
stimolare sul territorio la condivisione di un progetto tra coloro che si occupano di architettura e design. Inesposizione quindi il talento e la fantasia degli architetti e designer pugliesi e lucani che hanno deciso di
aderire al progetto “da casa nasce casa”. La creatività finalizzata a uno scopo benefico, una creatività
quindi che sorprenda il pubblico con il decoro/l’interpretazione di un piccolo oggetto dal valore simbolico
importantissimo, la casa, una creatività che esprima dal territorio pugliese e lucano una autentica lezione
universale e non soltanto di design.
Programma: Must -13, 14, 15 Dicembre - Esposizione delle 70 casette – Via Degli Ammirati 11 - Lecce
Asta benefica: Must - venerdì 16 dicembre ore 18.30
Conduce la serata MARCO RENNA, Direttore artistico del premio Teknè
Info: www.adi-design.org www.kubico.it www.mustlecce.it
www.crilecce.it - www.facebook.com/cri.le


AUTORI PARTECIPANTI
Massimo ACCOTO, Vincenzo BAFUNNO, Maurizio BARBA, Saverio CALIA, Alfio CANGIANI, Piertito CARDILLO, Stelvio
CARPENTIERI, Rossana CARULLO, Fabiana CICIRILLO, Consorzio CETMA, Sara COSTANTINI, Salvatore COZZOLINO,
Riccardo DALISI, Antonio D’APRILE, Valentina DE CAROLIS, Luciana DELLE DONNE, Rocco DE MATTEIS, Sabrina DE
MITRI, Angelo DE SANTIS, Daniele DELLA PORTA, Patrizia DI COSTANZO + Filippo PIFERI, Gianni DI MATTEO, Riccardo
D’ORIA, Maria INCAMPO, Nicola ELIA, Andrea EPISCOPO, Marco FERRERI, Luciano GALIMBERTI, Toni GALLITELLI,
Lorenzo GEMMA, Pasquale GENTILE, Alessandro GUERRIERO, Maria Cristina HAMEL, Silvana INGUSCIO + Alessandro
EPIFANI, Angelo JELMINI, Ugo LA PIETRA, Matteo LETTINI, Paolo LOMAZZI, Bruno MAGGIO, Roberto MARCATTI,
Giuseppe MARIANO, Ciro MASELLA, Martino MASTROVITO, Gaetano MINAFRA, Nicola MIULLI, Sara MONDAINI,
Pietro MONITILLO, Michele PAGANO, Giovanni PALATELLA, Antonio + Matteo PELLEGRINO, Giovanni PESCE, Pasquale
PITARDI, Patrizia POZZI, Massimo PRONTERA, Rosa ROCHIRA, Adalgisa ROMANO, Andrea ROVATTI, Michele
SALLUSTIO, Toti SEMERANO, Francesco SPADA, Ubaldo SPINA, Gregorio SPINI + Fiammetta PAROLA, Antonio SURDO,
Enrico SURDO, Licio TAMBORRINO, TARSHITO, Luca Paolo VASA, Gianni VENEZIANO, Giacomo VENTOLONE, Fabio
VINELLA, Umberto ZAPELLONI, Francesco ZURLO.

Pagina 1 di 12