3-11.08 - Bagliori d'Ombra

Le sale del laboratorio d’arte del Must - Museo Storico della Città di Lecce, ospiteranno, dal 3 all’11 agosto 2013, “Bagliori d’ombra. Incontri con il teatro delle ombre”, una prestigiosa mostra di teatri d’ombra provenienti da paesi di area mediterranea, a cura del Teatro Le Giravolte.
L’evento si inserisce nella manifestazione "Must in Art" e fa parte della programmazione estiva “Il gioco dell’Arte al Museo”, un ciclo di laboratori, spettacoli e mostre organizzate dell’associazione culturale LedA- laboratori educativi e didattici per l’Arte- progettazione culturale che, all’interno del Museo, cura l’area educazione.

Dapprima è nata la luce del sole.
La luce, il mezzo segreto a cui il mondo si è affidato sin dagli albori dell’umanità per disegnare le ombre, quelle ombre allungate, nitide, oblique, storte, piccole e grandi di alberi e animali.
Poi è comparso l’uomo e da quel momento l’ombra è diventata un accessorio inscindibile della nostra persona, un io visibile e invisibile, che ci accompagna silenzioso e leggero.
L’intento della mostra è quello di far conoscere al pubblico il mondo delle sagome animate, attraverso un’esposizione che permette di apprezzare e riscoprire un’arte oramai perduta, che ha stimolato i discorsi e la fantasia di filosofi, religiosi, scienziati, occupando un’importante ruolo nel campo dell’arte, dello spettacolo e della letteratura.
All’interno del Museo si potranno ammirare su schermi d’ombre: le sagome di cuoio della tradizione asiatica del teatro d’ombre giavanese, il Wayang Kuilt. In Indonesia, presente da millenni, più che una recita è una cerimonia e un rito, uno degli ultimi antichi “misteri” sopravvissuti nelle terre d’Asia, originariamente animiste sciamaniche. Le raffinate figure del teatro d’ombre cinese: l’origine di questo teatro è legato ad una leggenda che narra di come un monaco taoista fece rivivere la giovane sposa dell’imperatore, che era morta da poco, dietro un telo di riso illuminato da una fioca luce di candela. Il Karagoz turco: le grottesche figure in pelle di cammello e di pecora del teatro d’ombre turco. I personaggi e le scenografie del teatro d’ombre dell’area mediterranea: Egitto, Siria, Marocco, Persia, Tunisia e Algeria. Il Karaghiozis greco: verso la fine dell’impero Ottomano, Karagoz, il principale personaggio del teatro d’ombre turco, attraversa la frontiera greca e si trasforma in Karaghiozis e dà il nome al teatro delle ombre greco. Le ottocentesche silhouettes nere francesi, le moderne sagome intagliate su cartoncino e, infine, le figure del mondo d’ombre del “Teatro Le Giravolte”.
A completare l’esposizione, “Le avventure del principe Achmed” di Lotte Reiniger, il primo cartone animato della storia della pellicola in celluloide. L’artista tedesca, affascinata dal teatro d’ombre cinese, si specializzò in quest’arte e nel 1925 realizzò il primo cartone animato, adoperando proprio silhouettes ritagliate e utilizzando in modo rudimentale il colore sulla pellicola.

Contestualmente alla mostra, sono in programma quattro spettacoli teatrali sul tema “Fiabe dal mondo”, nei gironi 3, 8, 9 e 10 agosto e due laboratori d’arte, nei gironi 8 e 10 agosto, durante i quali i partecipanti, oltre ad apprendere i segreti del teatro d’ombra, impareranno a disegnare ed animare delle vere e proprie silhouettes in cartoncino.

La visione degli spettacoli sarà anche occasione per ammirare la collezione di teatri d'ombra provenienti dai paesi di area mediterranea, in mostra dal 3 all'11 agosto.

Programma dell'intera rassegna
Dal 3 all’11 agosto 2013
Mostra di figure dei teatri d’ombra orientali e occidentali
Ogni giorno, escluso il lunedì, dalle 10 alle 20
Ticket: 3 euro intero; 2 euro ridotto- comprende la visita al Museo

3, 8, 9 e 10 agosto 2013
Fiabe dal mondo- Spettacolo di teatro d’ombre
Ore 21
Ticket: 6- comprende visita alla mostra e al Museo
Per bambini dai 4 anni, famiglie, adulti

8 e 10 agosto 2013
Laboratorio d’arte sulla costruzione di silhouettes
Ore 18- 20
Ticket: 8 euro
Per bambini dai 4 ai 12 anni

 
 
Info
Questo indirizzo email è protetto dagli spambots. E' necessario abilitare JavaScript per vederlo.
tel: + 39 393.84.38.170